giovedì 29 giugno 2017

Tra siccità e nubifragi

Ciao a tutti come state? Qui è una settimana di temporali violenti, di quelli che il giardino lo spianano ed infatti così è stato. Non ci ho ancora messo mano, è da sabato che non ci vado ed ho paura di quello che troverò, andranno raddrizzate con dei tutori molte perenni e altre verranno tagliate drasticamente; da domani sera metterò a posto sperando che il giardino non sia ancora fradicio.

Per esperienza so che prima di questi nubifragi vanno fatte delle foto visto che da domani alcune fioriture della settimana saranno compromesse. Non fraintendetemi, il dispiacere ce l’ho ma almeno è piovuto e poi alla fin dei conti sono solo piante, i problemi nella vita sono ben altri.

Approfitto di questo giorno di festa per scrivere questo post, farlo al pomeriggio è un lusso e lo apprezzo particolarmente, soprattutto perché fuori sta ancora piovendo.

Oggi vi mostro subito una pianta bellissima che se non sbaglio è stata acquistata da Priola un paio d’anni fa. Da vedere è praticamente una campanula di notevoli dimensioni ma fiorisce anche in mezz’ombra e ombra luminosa. Un’altra caratteristica è data dalla sua esuberanza nell’espandersi tramite le radici rendendosi disponibile a tante moltiplicazioni.

Adenophora pereskiifolia
In pieno sole l’aiuola più estiva si riempie di colori, colori anche un po’ troppo forti ma le piante hanno deciso di nascere li e quindi eccovi il risultato disordinato contro il muro.


Vista dal prato è un po’ meglio ma all’appello mancano ancora le echinacee e i flox arancioni che sono piuttosto tardivi.

In primo piano l'Allium 'Summer Drummer'
Nelle vicinanze sono fiorite per la prima volta queste curiose rudbeckie senza petali, si tratta di una vera e propria specie che produce quell’infiorescenza grande anche 4 centimetri che incuriosisce molto chi la nota. Il colore e la forma delle foglie la rendono molto interessante.

Rudbeckia occidentalis
Questo è anche il mese dei gigli. Purtroppo il caldo torrido delle scorse settimane ha fatto durare poco la loro fioritura ma sono riuscito a catturare lo stesso il miglior momento dei martagoni che ormai raggiungono senza problemi il metro e ottanta di altezza.

Lilium martagon
Mi ha sorpreso anche questa varietà messa a dimora lo scorso autunno che si è già messa in mostra.

Lilium 'Sunny Morning'
Sono fioriti anche gli altri classici ibridi da supermercato che non mostro ma questo mi ha colpito particolarmente in bellezza, credo sia un ibrido di tigrinum caratterizzato da foglie lucide molto strette e un’altezza ridotta che lo rende piuttosto rigido.

Lilium tigrinum 'White Twinkle'
Tra i classici di questa settimana ci sono anche le millefoglie che purtroppo da me non riescono a durare più anni tranne questa bellissima varietà arancione.

Achillea millefolium 'Terracotta'
Con mio stupore sono in piena fioritura anche le salvie all’entrata del giardino. Che fioriscano quasi tutto l’anno è normale ma che siano così cariche di fiori in questa stagione è strano.

Salvia greggii 'Maraschino'
Salvia yamensis nata spontanea.
Prima ho nominato i fllox, il primo a fiorire è quello che si da più arie con i suoi petali bicolore.

Phlox paniculata 'Peppermint Twist' 
Io per oggi vi lascio ma vi auguro un buon finale di settimana e un ottimo week end!

Digitalis lutea di Moreno, spero posa disseminarsi ovunque!
Clematis 'Purpurea Plena Elegans'
Il gigantesco Thalictrum 'Anne' che raggiunge i 260 cm di altezza.


domenica 11 giugno 2017

Il meglio di fine primavera

Ciao a tutti come state? Pare che sia già cominciata l’estate, una terribile estate calda e afosa a quanto pare. I gestori di lidi e piscine saranno contenti ma personalmente spero che dopo aver superato questo periodo di anticiclone si passi a temperature leggermente più basse con qualche giorno di pioggia. Il giardino nelle ultime due settimane ha sofferto tre giorni di temporali violenti ma prima sono riuscito a immortalare il meglio di ogni primavera.


Le digitali hanno fatto il loro ciclo anche se sono rimaste in generale piuttosto basse ma nell'insieme i colori ci sono stati anche se per molti i contrasti e le tonalità non andavano bene tra di loro. Posso essere d’accordo ma il giardino è piccolo e non ho sicuramente gli spazi per dipingere paesaggi ariosi e ben definiti come fanno i grandi progettisti olandesi o tedeschi.

Qualche scorcio in stile prateria selvaggia però c’è e non per nulla, quasi tutte le piante nell’immagine si sono disseminate da sole.

Linaria purpurea 'Canon Went'
Alcune aiuole tardive sono ancora molto verdi ma anche così sono decorative soprattutto grazie ai colori acidi di alcune graminacee e degli Agastache ‘Golden Jubilèe’ anche ormai sono finiti ovunque nel giardino.


Malgrado il caldo e il secco qualche digitale tiene duro, forse perché sotto al ciliegio trovano un minimo di refrigerio.

Digitalis purpurea 
All’entrata del giardino c’è chi apprezza il caldo e ce lo dimostra con una fioritura più che abbondante. Ogni anno si allarga e si espande inglobando tutto ciò che sta attorno.

Alstroemeria 'Indian Summer'
A mezz’ombra invece fiorisce per la prima volta un garofano bianco molto vistoso nella zona che ho trovato per le alpine.

Dianthus plumarius 'Diamant'
Se il caldo dà fastidio a noi e ad alcune perenni sembra invece non fare nulla alle clematidi che ora stanno cominciando a fiorire e tra quelle piantate lo scorso anno spicca la bellissima Helios gialla.

Clematis 'Helios'
La principessa Diana cresce invece sopra la Chitalpa e mostra con prepotenza la sua fioritura rosa che al tatto sembra fatta di cera.

Clematis texensis 'Princess Diana'
Molto vicino, sull’arco, la viticella blu esplode come ogni anno e mostra la bellissima fioritura a campanella. La tangutica mischiata sullo stesso sostegno si farà vedere più tardi.

Clematis viticella
I nuovi acquisti da supermercato come questa specie profumata si sviluppano sull’altro lato.

Clematis x aromatica
In zona, come ogni anno, appaiono le campanule rosa che molto velocemente stanno colonizzando ogni spazio disponibile, andranno sfoltite di sicuro in autunno.

Campanula takesimana 'Elizabeth'
Vicino all’entrata del giardino il rampicante appartenente alla famiglia delle ortensie è una costante ormai da anni, cresce poco ma fiorisce molto, per i piccoli giardini è proprio perfetto.

Schizophragma hydrangeoides 'Roseum'
Io per oggi vi saluto e vi auguro una buona settimana con il sentiero lastricato in ombra che tra poco mostrerà fioriture meravigliose.

Campanula punctata 'Sarastro' in blu.



giovedì 25 maggio 2017

Iris grandi e iris piccoli

Ciao a tutti come state? L'estate sembra essere cominciata sul serio e purtroppo le temperature sono già salite oltre i trenta gradi. Non è la condizione ideale per il giardino che è in piena fioritura primaverile; spero almeno che la prossima settimana piova qualche notte per ridurre la temperatura del terreno. L'impianto d'irrigazione delle aiuole funziona da 4 giorni e le piante, malgrado il caldo, stanno molto bene e a me non sembra vero di non doverle più annaffiare manualmente!


Tra qualche giorno le digitali saranno perfettamente fiorite e da questo punto di vista si godrà uno splendido spettacolo di colori. Anche le altre aiuole sono però avviate verso l'estate come quella vicino agli aceri che propone per la prima volta più di un asfodelo giallo.

Asphodeline lutea, in giallo a destra.
Maggio è un classico periodo di iris ma non voglio annoiare nessuno con questo genere di piante perché chi è su facebook avrà ormai fatto overdose di fioriture. Propongo solo un paio di varietà interessanti: la prima l'abbiamo già vista e spero rifiorisca in autunno come dovrebbe.

Iris 'Autumn Circus'
Quello che mostro ora raggiunge solo i 20 centimetri di altezza e vive in ombra luminosa. Il suo fiore bianco raggiunge i 3 centimetri ma si rende ben visibile in mezzo alle altre perenni. Mi era stato donato un piccolo rizoma da Gabriele che però era sparito subito ma poi, l'estate scorsa, si è degnato di spuntare in luglio mentre quest'anno è fiorito per la prima volta.

Iris gracilipes 'Alba'
Sempre all'ombra e con dimensioni ancora più ridotte si trova ormai da anni il minuscolo corniolo tappezzante che rischia di essere sommerso dal resto dell'aiuola.

Cornus canadensis 
Sotto al faggio pendulo sono fioriti questi bellissimi bulbi messi a dimora in autunno, il loro colore verde-grigiastro lo trovo di una bellezza fuori dal comune.

Ornithogalum nutans
Un'altra novità di quest'anno è il delfinium botanico che ho cercato per anni prima di trovarlo inspiegabilmente in un supermercato qui vicino. È caratterizzato da dimensioni ridotte e compatte ma produce una spiga di fiori rossi davvero molto vistosa.

Delphinium nudicaule
Questa nepeta gigante fiorisce nello stesso periodo davanti alla baptisia gialla acquistata all'inizio del mese a Masino presso il vivaio Millefoglie.

Nepeta subsessilis 'Blue Dreams'
Io per ora vi lascio con la combinazione di bianchi sotto al ciliegio e con le foglie del piccolo faggio tricolore che sta nell'altro terreno! Buon fine settimana a tutti!

Centranthus ruber 'Albus'
Fagus 'Tricolor'

domenica 14 maggio 2017

Non sono più sui forum

Ciao a tutti, come state? Da molto tempo non sono più iscritto a nessun forum di giardinaggio, forse ne avevo già discusso ma recentemente sono venuto a sapere che una persona si chiedeva dove fossi andato a finire e se questa persona oggi sta leggendo il post capirà perché da alcune piattaforme sono scomparso. Devo dire che non ho più molto tempo per frequentare tutti i social a disposizione e a dir la verità non mi manca affatto avere a che fare con alcuni personaggi che immancabilmente, soprattutto in alcuni forum, dovevano sempre far notare la loro superiorità botanica trattando come ignoranti gli utenti minori. Questa è una cosa che dilaga anche su facebook ma li ci sono cose ancor più fastidiose e quando dico fastidiose parlo ovviamente del mio punto di vista. Una di queste sono le persone del 'vorrei ma non ho tempo'. Quella del tempo è una cosa che mi rende particolarmente furibondo perché io esco di casa alle 6.15 del mattino e torno alle 18.30 circa, c'è la spesa da fare, l'appartamento da tenere in ordine e alla sera, dopo aver mangiato presto, fatto la doccia ed essermi goduto almeno un attimo di divano vado a letto e alle 22.30 sto già dormendo da un po'. Nel fine settimana c'è poi il giardino e sopratutto l'altro terreno dove questo è periodo di tagli dell'erba. Se ho fortuna riesco almeno ad uscire alla sera per una cena due volte al mese, soprattutto in questo periodo dove per sette mesi non vedo vacanze. Qui si arriva al motivo che mi fa infuriare, quando alla sera entri un attimo in facebook e vedi persone che dicono di non aver tempo di fare nulla e poi sono sull'amaca alle 2 del pomeriggio oppure si svegliano alle 8 o più tardi o che alle 17 stanno già postando foto del loro giardino. Io mi rendo conto di essere poco tollerante ma una cosa mi permetto di dirla: è troppo facile fare i gradassi sul web, sempre nel nostro ambito, dicendo che le loro piante sono più belle o che le loro varietà sono più ricercate quando praticamente mezza giornata alla settimana è dedicata solo a quello. I giovani poi sono peggio, soprattutto i miei coetanei trentenni che non hanno mai lavorato un giorno o che sono studenti e osano dire frasi del tipo 'ma il venerdì sera un aperitivo va fatto'. Dopo una settimana di più di 50 ore nei giardini o nei cantieri quelli che mi dicono così li manderei tutti a quel paese . Sintetizzando; il motivo di una scarsa vita online è questo, devo lavorare ogni giorno per mantenere terreno, giardino e un piccolo appartamento di due locali e mi infastidisce parecchio vedere persone che hanno un livello di stress pari a quello di un bradipo ma che però si lamentano del poco tempo a loro disposizione. Per questi motivi preferisco il blog, ho conosciuto belle persone tramite questa piattaforma, persone che poi ho conosciuto nella vita reale alle quali mi sono affezionato e dirò di più: mi spiace moltissimo di non poter conoscere voi per via delle distanze soprattutto perché a pelle, solo dai commenti, intuisco siate proprio brave persone con cui potrei facilmente condividere una amicizia.

Credo di non aver mai scritto così tanto in anni di blog e quindi per chi è giustamente qui a vedere un po' di piante chiudo con le mie lamentele e comincio con il giardino.


Ho praticamente completato l'impianto di irrigazione gocciolante nelle aiuole dopo un lungo periodo di siccità e ovviamente da allora piove tanto e regolarmente.


Dall'arrivo della pioggia le piante sono cresciute con un ritmo elevato e ora si comincia a vedere il bello del giardino: delle aiuole piene e rigogliose che impediscono ad ogni malerba di svilupparsi.
Una delle più belle in questo periodo è quella del vecchio orto che tra poche settimane proporrà il proprio meglio.


Nel dettaglio si vedono anche piante appena introdotte delle quali parlerò a tempo debito.


Bisogna dare una buona parte di merito agli Allium bianchi che spiccano in quella parte del giardino. Come ogni anno propongono dei rigidissimi steli alti che portano una grossa infiorescenza bianca.

Allium stipitatum 'White Giant'
L'inizio di maggio non è mai ricchissimo di fioriture ma i Geum arancioni si possono ammirare solo ora.

Geum 'Mai Tai'
All'ombra la bellissima consolida dell'amico Gabriele propone da settimane una fioritura che sfuma da rosso a blu ed inoltre piace moltissimo alle api.

Symphytum grandiflorum 'Hidcote Blue'
Nel frattempo fiorisce la prima clematide.

Clematis 'Nelly Moser'
Nell'altro terreno, come già detto, è tempo di tagliare il prato, ci vogliono svariati giorni per farlo e quasi bisogna ricominciare dall'inizio una volta rasato tutto! Le piante però stanno crescendo bene e le vacanze di Natale passate a sistemare le recinzioni ormai inesistenti da anni hanno impedito agli animali di massacrare tutto! Nel piccolo giardino vicino a casa ci sono quasi solo piante recuperate dalle pattumiere o regalate da amici.


Negli ultimi anni si stanno moltiplicando nel prato delle essenze come i crochi selvatici bianchi o questi bellissimi narcisi.

Narcissus poeticus
A quell'altitudine ha nevicato anche a fine aprile così le piante hanno rallentato un po' il ritmo come il castagno variegato che però sembra voler compensare ora che è arrivato il caldo.

Castanea sativa 'Variegata'
Anche nel terreno terrazzato le piante si stanno finalmente facendo notare.


In quel prato secco è il periodo dei margheritoni selvatici. Siccome sono biennali è necessario lasciarne delle macchie mentre si taglia l'erba in modo da poter far sviluppare i semi che daranno vita a tutte le nuove piantine.

Leucanthemum vulgare
Io per oggi vi saluto e vi lascio con questo piccolo pino!

Pinus bungeana


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...